Un'ultramaratona finisce in tragedia: i corridori descrivono l'orrore della gara del Gansu

UNt la linea di partenza dell'ultramaratona del Gansu, faceva freddo ma splendeva il sole. Un concorrente ha faticato a scaldarsi, anche dopo una corsa veloce di 2 km, e ho notato che alcuni dei concorrenti d'élite indossavano pantaloncini e tremavano. Nelle città vicine, la temperatura era secondo come riferito già cadendo e venti in aumento, ma il 172 i corridori non lo sapevano.

In un resoconto ampiamente condiviso di l'orrore che seguì, pubblicato online, il corridore anonimo ha descritto le condizioni che hanno portato alla morte di 21 concorrenti e il ricovero di altri otto in ospedale, e ha suscitato importanti interrogativi sulla sicurezza dello sport di resistenza sempre più popolare in Cina.

Entro poche ore, la temperatura sulla montagna nel nord-ovest Cina scenderebbe molto sotto lo zero. I corridori sono stati colpiti dalla pioggia, grandine e venti di burrasca. I concorrenti hanno descritto di essere stati accecati dal freddo, perdere la sensibilità alle estremità, passando persone che si sono ritirate in anticipo e stavano scendendo dalla pista, e imbattersi in altri che avevano la bava alla bocca o giacevano immobili.

Tra coloro che sono morti durante la Huanghe Shilin Mountain Marathon nel Gansu'S Yellow River Stone Forest era il detentore del record Liang Jing, l'ultima volta fotografata in testa al branco, indossare pantaloncini e una giacca sottile. Soprannominato Liang God, il 31enne padre di un bambino di due anni era ben noto in Cina come un campione di corse. Era esperto, aver vinto – tra gli altri – una 250 miglia (400km) corsa attraverso il deserto del Gobi in 2018.

Secondo China News Weekly, era uno dei quattro concorrenti che si rifugiavano in una grotta, accompagnato da due paesani locali. Quando i soccorritori li hanno trovati, tre dei quattro, compreso Liang, è morto.

Durante la gara è morto anche il paralimpico Huang Ganjun. Disturbi dell'udito e del linguaggio, Huang ha vinto la maratona per non udenti al 2019 Giochi Paralimpici Nazionali. Un amico lo ha descritto come un uomo "sensibile" la cui più grande gioia nella vita era correre. Il collega concorrente Zhang Xiaotao ha descritto di aver visto Huang tra i due checkpoint, vivo e in corso ma “in cattive condizioni”.

L'ultramaratona di Gansu era stata corsa tre volte prima, ma questo era un nuovo percorso, attraverso un remoto territorio montano. Il tempo è peggiorato tra il secondo e il terzo posto di blocco: un tratto di sentiero di cinque miglia, 15 miglia nel percorso. I concorrenti l'hanno variamente descritta come una parte infida e tecnica del percorso con 1,000 metri di dislivello, richiedendo un po' di arrampicata.

“Non c'è nessun posto dove riposare e non puoi fermarti e le montagne esposte… Ma in questo giorno, i problemi sono stati amplificati,” ha detto l'anonimo concorrente.

Wang Jin-ming, 42, era tra i corridori finiti in ospedale. Ha detto a China News che il tempo è cambiato verso le 13:00, dopo che era scappato 17 miglia. Ha lottato per 20 minuti per aprire la sua coperta di emergenza, solo per essere strappato dalle sue mani dal vento. Ha ripetutamente premuto il pulsante di emergenza del GPS.

“Ho perso il controllo delle mani e dei piedi, riuscivo solo a gattonare, continua a scalare, continua a scalare … Mi sono detto che non posso fermarmi, devo mantenere la mia temperatura corporea, rimani vivo, e vedere la mia famiglia".

Wang ha detto di averne trovati altri sei o sette, anche in gravi difficoltà, e li esortò a continuare a muoversi ma non potevano. Ad un certo punto ha perso conoscenza e si è svegliato in ospedale. I soccorritori non lo hanno raggiunto fino alle 19:00 circa.

L'inaccessibilità della sezione significava checkpoint 3 non era un calo delle scorte di cibo, acqua o vestiti caldi, e quelli catturati nella sezione potevano fare affidamento solo su ciò che stavano trasportando, che per molti era molto poco.

Attraverso forum, articoli e resoconti dei media in esecuzione, molti hanno messo in dubbio la mancanza di attrezzatura per il freddo nell'elenco delle attrezzature obbligatorie. Si consigliava solo una giacca a vento o una maglia termica, e le coperte di emergenza obbligatorie sono state fatte a brandelli dai venti.

Ma nessuno ha sollevato obiezioni alla lista, ha scritto l'anonimo concorrente. "La mia giacca è stata imballata in una borsa di trasferimento e conservata presso il [punto di controllo 6] cambio punto 62km in pista. Normalmente, Posso arrivare qui prima che faccia buio.»

Pochi hanno superato il checkpoint check 3.

Le stime dicono 40 per 50 la gente si rifugiava in piccole capanne o grotte lungo il percorso, alcuni aiutati da dozzine di locali tra cui un pastore, Zhu Keming, chi è stato acclamato come un eroe nazionale per aver salvato sei persone. Wang Qinlin, segretario del partito del villaggio di Hu Ma Shui, ha detto che si è coordinato con un segretario del villaggio vicino e ha organizzato i residenti per raccogliere cappotti invernali, trapunte, panini al vapore e acqua calda per i sopravvissuti.

Mentre la comunità globale dell'ultramaratona piange la sua più grande tragedia di sempre, molti stanno discutendo il ruolo della responsabilità personale. Lo sport è un test di resistenza per eccellenza, spesso in condizioni difficili o insidiose. Le gare possono, e spesso lo faccio, andare di traverso per i concorrenti in qualsiasi momento lungo i sentieri di 60 più miglia.

“Il trail running è come l'alpinismo,” ha detto l'alpinista cinese Luo Jing, chi è sopravvissuto alla gara. “Devi fare piani per il caso peggiore ogni volta, e non riporre le tue speranze sugli altri”.

Luo ha in parte dovuto alla sua sopravvivenza, portando vestiti caldi e assicurandosi che avesse il tempo di scendere quando il tempo peggiorava.

I commentatori hanno anche suggerito che l'esplosione della popolarità della corsa di resistenza in Cina ha portato a migliaia di eventi di gara, con troppo pochi abiti esperti per gestirli. Spesso i funzionari del turismo vedono una gara come un modo di alto profilo per promuovere la loro regione e ottenere il favore dei loro superiori, potenzialmente senza abbastanza riguardo per il pericolo.

I resoconti dei media cinesi hanno accennato a piani di emergenza inadeguati, e scarsa comunicazione con le autorità di soccorso locali, che hanno lottato per accedere al terreno e individuare i concorrenti bloccati. Ci sono informazioni contrastanti su come era previsto il tempo, e quali informazioni sono state valutate e trasmesse dagli organizzatori. UN rapporto pubblicato su Esquire, mettendo insieme una cronologia degli eventi, ha rivelato un coordinamento caotico dello sforzo di salvataggio, con piccole squadre e auto che cercano di raggiungere i posti di blocco 2 e 4, mentre altri, compresi gli abitanti dei villaggi locali, sono andati a piedi. Sono trascorse diverse ore tra i primi messaggi di aiuto e il pieno dispiegamento delle squadre di soccorso.

L'incidente è sotto inchiesta, e l'organo di governo dello sport cinese ha già ordinato miglioramenti, dicendo che c'erano "problemi e carenze" nel modello di gestione delle gare, compresa la pianificazione di emergenza. Numerose gare in programma sono state annullate nel fallout, e le famiglie di alcune delle vittime hanno chiesto la responsabilità per le morti. Rapporti dei media sulle autorità che impediscono alle famiglie di parlare tra loro, o di impedire alle famiglie di riportare i corpi nelle loro città d'origine, ha solo preoccupazioni aggravate.

Il corridore anonimo ha affermato che era inaudito che la maggior parte dei corridori si fosse ritirata dalla gara prima che gli organizzatori la sospendessero definitivamente, e ha esortato i futuri concorrenti a essere pronti a prendersi cura di se stessi in caso di emergenza. "Puoi dire che hai finito solo se arrivi a casa. La sicurezza viene sempre al primo posto".

I commenti sono chiusi.